Dr.Hauschka Med

Pelle molto secca

Quando la pelle diventa secca ed irritata

Molte persone hanno sperimentato una condizione di pelle molto secca. Lo strato più esterno della pelle (epidermide) si danneggia e non è in grado di mantenere il sufficiente livello di idratazione. La tentazione di grattarsi instaura un circolo vizioso che fa aumentare prurito e secchezza. La pelle può screpolarsi, presentare desquamazione e determinare anche sensazioni dolorose.

Cause

Una situazione di pelle secca può essere determinata da vari fattori. In alcuni casi è il sintomo di una dermatite. Una persona che soffre di una dermatite conclamata presenta un’estrema sensazione di prurito e un eczema essudativo. Fino al 20% della popolazione dei paesi industrializzati occidentali soffre di malattie atopiche della pelle; tra i bambini questa percentuale sale al 25%.

Esiste una predisposizione genetica alle dermatiti. Un’alterazione, qualitativa e quantitativa, nella composizione lipidica o una mutazione della filaggrina, proteina presente nell’epidermide, può essere parzialmente responsabile di un difetto nella funzione barriera della pelle. Questi cambiamenti implicano che la pelle non è più in grado di proteggere l’organismo in modo sufficiente dalla disidratazione, un fenomeno quantificato misurando la perdita d’acqua transdermica. I fattori che scatenano le malattie genetiche della pelle non però sono stati ancora del tutto compresi; cause ambientali esterne sembrano comunque giocare un ruolo fondamentale. Nella società moderna l’organismo è esposto e deve fare i conti con un numero molto elevato di sostanze chimiche. A questo vanno sommate anche tutte le richieste che riceviamo a livello emotivo in ambito familiare e lavorativo. Spesso basta un piccolo colpo per perdere l’equilibrio; improvvisamente si è esposti e vulnerabili.

Lo stretto legame tra la pelle e la sensibilità si piò individuare già nella fase di sviluppo embrionale dell’uomo. La pelle, il sistema nervoso e gli organi di senso derivano dallo stesso ceppo di cellule embrionali di origine, l’ectoderma.

La pelle è costituita da tre parti: l’epidermide, il derma e lo strato sottocutanneo. L’epidermide è costituito da vari strati di cellule (cheratinociti), quelli più superficiali sono formati principalmente da cellule morte (strato corneo). Un connettivo di lipidi e proteine tiene assieme queste cellule creando una barriera che previene l’eccessiva evaporazione di acqua dalla superficie dell’organismo. Una variazione della composizione lipidica o un difetto nella filaggrina, la proteina che costituisce il legame tra le diverse cellule dello strato corneo, può portare ad un indebolimento di questa difesa naturale. La pelle diventa secca e si sviluppano pruriti.

Trattamento della persona nel suo insieme

La pelle non è solo lo specchio dell’anima; essa riflette anche i processi interni dell’organismo. Sulla superficie ci sono numerose terminazioni nervose che si diramano in profondità. Quando un organo è debilitato o ammalato può apparire visibile anche a livello cutaneo. Per questo motivo, quando una persona soffre di dermatiti, risulta importante trattarla nella sua interezza. La terapia olistica spesso rende il trattamento anti-infiammatorio rivolto solo alla pelle non necessario; utilizzando al suo posto trattamenti fitoterapici. Più che sopprimere l’eczema essi tendono a promuoverne la guarigione.

La ricerca dermatologica a Friburgo: fitoterapici che aiutano la pelle
Le piante non sono solo belle da vedere, ma contengono una grande varietà di ingredienti interessanti come, ad esempio, composti anti-ossidanti, anti-infiammatori e anti-microbici, ottimi per la pelle. Gli studi di molte sostanze vegetali per trattare condizioni alterate della pelle, come i tannini per le dermatiti ad esempio, non sono stati, ad oggi, approfonditi. Nel Dipartimento di Dermatologia dell’Università di Friburgo è stato fondato il Centro Skinitial® allo scopo di studiare più a fondo gli effetti delle piante sulla pelle. WALA Heilmittel GmbH e la Fondazione no-profit Dr.Hauschka rientrano tra gli sponsor di questo progetto. Per ulteriori informazioni visitare il sito: www.uniklinik-freiburg.de/hautklinik.html